Continuando la navigazione su questo sito o cliccando sulla croce, accetti il deposito di cookie destinati a realizzare statistiche di visita e alla proposta di video, pulsanti di condivisione, pubblicità personalizzate e un servizio di chat. Per maggiori informazioni e parametra i cookie X

FR EN DE ES IT PT
Naviga nei forum 
Tracker Ankama

Le Larve di Rushu

Di [Ankama]DOFUS - AMMINISTRATORE - 16 Maggio 2019 - 16:00:00

Era passata una settimana. Una settimana da quando l'agente Mulstero era scomparso, "prelevato" sotto gli occhi dell'agente Scullytro. Le anomalie temporali continuavano a essere sotto i riflettori della stampa, che aveva notato l'assenza del partner dell'Etram e la interrogava in proposito senza successo. Ma cosa stava facendo la FBA?

Sede dell'ufficio dei Fatti Bizzarri e Anormali
Ore 14:42

I battenti di un edificio grigiastro qualunque si aprirono e ne uscì un'avventuriera rossa vestita di colori scuri. Indaffarata, verificò per l'ennesima volta il contenuto del suo portadocumenti, mentre camminava a passo svelto. Poi, all'improvviso, fu fermata da un giovane Uginak:

"Solo io lo trovo inutile?"

L'agente Scullytro sollevò la testa dalla sua borsa e scorse un cucciolo dal pelo corto grigio chiaro a macchie nere. Con la sua lingua penzolante e le orecchie che ricadevano sui suoi grandi occhi blu spalancati era così carino da far fermare l'Etram che, pur andando di fretta, si accovacciò vicino a lui:

"Ciao, di cosa parli, piccolo?" domandò Nada con un gran sorriso.

"Ho letto quello che hai scritto sulla Gazzetta di Amakna. Bah, complimenti!"

"Cosa? Io... non ho scritto niente su quel giornale, io lavoro alla FBA e sto indagando su..."

"C'era un estratto del tuo rapporto e non diceva niente sulla scomparsa dell'agente Mulstero. Tutto ciò che ho letto in quell'articolo era inconcludente! Non ho imparato nulla sulle anomalie temporali!"

"Ah, capito... beh, devi solo spedire una lettere al giornale, ne saranno... entusiasti" rispose l'agente, divertita.

"L'ho già fatto! Ma tu, quand'è che risolverai l'inchiesta sulle anomalie temporali?

"Senti, mi dispiace ma non ho le risposte che cerchi... magari... potresti cercarle anche tu? Non sarei contraria a un po' d'aiuto..." affermò lei con un sorriso, che si velò di amarezza quando le riaffiorò alla mente l'assenza del suo collega.
"Grandiosa la comunicazione", disse il grazioso canide.

Si rialzò per proseguire il suo cammino. Il giovane Uginak la guardò mentre si allontanava. Lei si girò un'ultima volta verso di lui e, piena di affetto, gli chiese:

"Posso contare su di te?"

Dopo un breve silenzio, lui le rispose:

"Invece di indagare sulle anomalie temporali, fareste meglio a riparare gli Zaap!"

L'Etram alzò gli occhi al cielo e tornò alla sua indagine.

 

*****

 

Strada delle Roulotte
Zaap delle Lande di Sidimote
Ore 15:48

Un cartello con su scritto 666 oscillava al vento. Una burrasca alzò la polvere delle terre brunastre di Sidimote, la fece agitare per un istante per poi farla ricadere sugli occhiali del vicedirettore Renniks, che grugnì. Se li tolse per spolverarli con l'aiuto di un fazzoletto a quadri che aveva tirato fuori dal suo impermeabile. Alla sua destra, una Ladrurba tutta vestita di cuoio, con gli occhiali neri e una pistola su ciascun lato della cintura, gli faceva da guardia del corpo: era l'agente Piad Ina Smis. Il vento cessò di colpo.

"Eccole" avvertì la Ladrurba.

Renniks si aggiustò gli occhiali e constatò che l'agente Scullytro non era da sola. Infatti, mentre l'impetuosa cavalcatura di Nada rallentava nelle vicinanze del portale per il teletrasporto, un'Aniripsa si aggrappava alla vita dell'Etram. Raggiunse le avventuriere insieme all'agente Smis.

"Niente da segnalare per il momento" disse Renniks, a mo' di rapporto.

"Se le indicazioni di Luca Carlorelli sono corrette, non dovrebbe tardare ancora..." affermò l'agente Scullytro scendendo dalla sua cavalcatura.

Sul portale si potevano notare delle iscrizioni tipiche del visitatore dal copricapo da gufo. Indicavano il codice: "61 h – 94.50.61".

"Cosa significa?" domandò l'Aniripsa con reale interesse, mentre Nada la aiutava a scendere a sua volta, facendo attenzione che la sua gonna corta non si sollevasse e che il suo cerchietto con le orecchie di Maomao non cadesse.

"Agente Renniks, agente Smis, vi presento Odile Bile, un'amica" fece l'agente Scullytro. "Mi sono detta che un'Aniripsa potrebbe esserci utile se succede... quello che pensiamo che succederà!"

"Per rispondere alla sua domanda, signorina Bile" proseguì Renniks "il modus operandi del sospetto Luca Carlorelli consiste nel vandalizzare dei beni pubblici di tipo Zaap lasciandoci delle iscrizioni difficili da ripulire che vanno lette al contrario, in questo caso: 16.05.49 – h 16"

"Il 16 Magil 649 alle ore 16" spiegò Nada.

"Ma, è..." titubò Odile.

"... ADESSO!" esclamò l'agente Piad Ina Smis sfoderando le sue due pistole, mentre lo Zaap, con un fruscio, fu avvolto da vapori e da una luce viola.

 

I quattro avventurieri si allontanarono dal portale camminando all'indietro. L'agente Smis teneva sotto tiro il cerchio. Si levò una brezza. Il cielo si rabbuiò. L'interno dello Zaap si illuminò e vorticò. La spirale luminosa violacea sembrò sussultare per qualche istante. Il vento sempre più potente sembrava mulinare sotto il suo impulso. Inconsciamente, gli avventurieri si avvicinarono gli uni agli altri formando un blocco unico.

Il tempo sembrava essersi fermato. Quando all'improvviso... qualcosa di scuro si trascinò fuori dal portale. Un immondo lumacone nero strisciava per terra con un rumore ripugnante. Doveva misurare un kametro di lunghezza e un mezzo kametro di larghezza e aveva degli spuntoni luminosi azzurri sulla schiena. Uscì completamente dal cerchio di luce e si fermò. Poi aprì di scatto l'unico occhio demoniaco di cui era provvisto!

Nello stesso istante, decine di suoi simili fuoriuscirono dal portale.

"Vai, Smis!" ordinò Renniks.

La Ladrurba non si fece pregare e si mise a sparare a ripetizione verso il portale, senza mancare mai i suoi bersagli che però cominciarono a spostarsi più in fretta, avanzando pericolosamente in direzione del gruppo; una di quelle creature si gettò con uno slancio sulla giovane Aniripsa che urlò di terrore. La cosa non sfuggì all'agente Smis che fece esplodere l'ignobile gasteropode in pieno volo con uno spruzzo azzurrognolo che schizzò il viso della povera Odile. L'agente Scullytro si era riparata dietro di lei. Dopo aver constatato con sollievo di essere scampata al peggio, tentò di rassicurare l'Aniripsa:

"Tutto bene, Odile?"

"Io... burp!... Credo di averlo ingoiato..."

"Guardate! Ne arrivano altri!" gridò l'agente Smis, pronta a combattere ancora.

Una sagoma si stagliò nel cerchio di luce. Nada spalancò gli occhi. Era lui!

"Abbassi le armi, agente Smis!" ordinò l'Etram prima di precipitarsi verso il portale.

"Scullytro! Resti qui! È pericoloso!!!" urlò Renniks.

L'agente Scullytro arrivò giusto in tempo per afferrare la debole sagoma appena emersa dallo Zaap. Il resto del gruppo accorse. Nada li guardò, con gli occhi che brillavano:

"È tornato!"

Fra le sue braccia, l'agente Mulstero ostentava un sorriso discreto, che si trasformò presto in un ghigno. Sembrava soffrire di mal di stomaco. Faceva smorfie di dolore. La sua gola si gonfiò... fin quando non sputò un lumacone scuro! Tutti quanti, compreso il placido vicedirettore Renniks, lanciarono un urlo! La creatura si schiantò al suolo con una lunga scia di bava e un orribile rumore viscido. Si contorse in tutte le direzioni per rimettersi dritta e aprì il suo abominevole occhio luminoso. L'Aniripsa lanciò un vero e proprio grido di guerra:

"Vaaaaattene, schifeeeezza!!!"

Poi spedì la bestiola in aria con una prodigiosa pedata, mentre l'agente Smis la centrava con uno sparo in volo. L'agente Scullytro cercò di parlare con il suo collega, a terra:

"Fux, stai bene? Odile si occuperà di te, d'accordo?"

"Larve di Rushu..." articolò con difficoltà, ma con aria allegra.

"Cosa...?"

"Larve di Rushu, Scullytro. Le avete viste tutti! Ah ah... loro esistono..."

 

Lo Xelor, febbricitante e con le bende bagnate per i sudori freddi, perse conoscenza, mentre l'Aniripsa si chinava su di lui.

Continua...

E voi, avete già affrontato una Larva di Rushu...?

Molto dopo aver creato il tempo, il dio Xelor mise a punto un orologio per misurare il suo scorrere in 11 ore e 11 mesi. Rushu, scontento per essere stato escluso, aggiunse una dodicesima ora e un dodicesimo mese infestando l'orologio di larve.

Così, mentre le Farfalle Tempusfugit fanno muovere le lancette delle ore, le Larve di Rushu hanno l'obiettivo di rallentare il tempo...

 

Scoprite l'aggiornamento Eliocalisse: Risonanza adesso in DOFUS!
Rispondi a questa discussione