FR EN DE ES IT PT
Naviga nei forum 
Tracker Ankama

Bonta o Brak

Di [Ankama]DOFUS - AMMINISTRATORE - 19 Giugno 2019 - 16:00:00

Nel Mondo dei Dodici si possono contare tantissime leggende... sono quasi tante quante delle Pupulci sulla testa di un Trooll. Ma di leggende della musica se ne raccontano molte meno! Oggi, per prepararvi al Festivalpub del 21 Giundor, vi racconteremo le origini del più grande gruppo di "bwork'n'roll" del Krosmoz!

Il Trooll fissava quegli strani simboli: "A", "B", "C", "D" e tutti gli altri, sparsi sulle numerosissime righe successive. Non gli dicevano niente, a parte forse...

"...delle note musicali?" mormorò.

"No, Ang, ma è stato un bel tentativo!" gli rispose sua sorella maggiore, Loretta. "Sono delle lettere! E tutte queste lettere formano l'alfabeto. Permette di fare delle parole, poi delle frasi, poi un sacco di altre cose..."

La band era perplessa. Loretta Yang, una Trooll in carne e dal pelo setoso, si era improvvisata insegnante per i suoi fratelli e il loro gruppo musicale nella sala delle prove. Aveva spiegato loro che se volevano sfondare nel Mondo dei Dodici, dovevano saper dire alla popolazione che facevano i tour nelle taverne. Per riuscirci, avrebbero dovuto preparare dei manifesti, firmare contratti... per farla breve, dovevano saper leggere e scrivere.

Il suo fratellino, Ang, ci metteva tutto il cuore. Era arrivato al punto di vestirsi da scolaro per assistere a quel primo corso! Ang era fatto così: sempre a fondo in tutto quello che faceva. Loretta si era quasi sentita male, quando lui le aveva detto di voler entrare nella pelle di uno scolaro... Per fortuna, questa volta non aveva applicato alla lettera quel che aveva detto. In ogni caso, nessuno sapeva dove né come si fosse procurato quel costume...

Gli altri, invece, se ne fregavano del corso di Loretta: Ril Fudd, il Goblin batterista del gruppo, stava mangiando tutte le momosche attirate dall'odore del bassista Liff Uilliam, Bwork puzzolente, ma dalla capigliatura bionda impeccabile. Brayar Jonson, il cantante dalla voce così potente e acuta da aver già rotto i timpani di sua madre, di sua zia, e di sua nonna, si stava affilando i canini con una lima. Il fratello maggiore di Ang e Loretta, Malc Yang, invece, stava contemplando con un sorriso beato (o ebete?) quello che aveva appena tirato fuori dal suo naso.

"Ragazzi!!! Metteteci un po' di impegno..." disse Loretta.

"Quando suoniamo?" chiese Ril Fudd. "Voglio picchiare!"
"Quando Miss Loretta avrà finito di tenerci qui..." gli rispose Liff.
"Siamo Bwork e Trooll, tesoro! Non ci serve conoscere i tuoi scarabocchi!" aggiunse Brayar.
"E un Goblin..." buttò lì Ril.
"Ve l'ho già detto, banda di fenomeni! Vi permetterà di non farvi fregare, di farvi pagare quando suonerete, ma anche di scrivere canzoni e di mostrare a tutti il nome del gruppo..."
"Che nome?" si interrogò Brayar.
"... avete un nome, vero?"
"..."
"... ma non ci credo! Come fa la gente a venire ai vostri concerti se non avete un nome???"
"Bah, ci sentono grugnire! Non capisci davvero niente di musica..."
"Ha sempre funzionato così!" confermò Liff.
"Sempre", aggiunse Ril.
"Non abbiamo mai scritto delle canzoni, ci accontentiamo di grugnire e non disturba nessuno nel pubblico, anzi, grugniscono con noi..."
"Perché anche loro sono Trooll e Bwork!" rispose Loretta.
"E Goblin..." buttò di nuovo lì Ril.
"Ang, aiutami..." lo implorò sua sorella.

Il Trooll era il più giovane della band, ma la sua opinione era importante. Da una parte perché era il chitarrista solista e dall'altra perché era stato lui a mettere su il gruppo. Si alzò nel suo abito da scolaro e parlò in maniera solenne.

Ang spiegò agli altri che non voleva che fossero apprezzati solo perché erano l'unico gruppo musicale di tutto il villaggio, ma perché avevano talento. Perché erano i migliori! Voleva diventare famoso in tutto il Mondo dei Dodici. Famoso come Claudius Baglionus!

Gli altri annuirono. Chi non sogna segretamente di essere Claudius Baglionus?

*****

I mesi passarono. Il gruppo imparava a leggere con Loretta ogni mattina della settimana e provava la musica ogni pomeriggio.

Un giorno, Brayar aspettò che gli altri fossero usciti dal corso per parlare con Loretta. Le tese timidamente un foglio di carta piegato. La Trooll dal pelo setoso lo aprì. Vi era scritto:

Bonta o Brak, di Brayar Jonson

Bonta o Brak!

È un patatrac

Dai retta a me non serve il frac

Per sceglierne una

La più opportuna!

Vuoi fare grana, allora esci di casa

Sali sulla cavalcatura e vai alla milizia

Il tuo futuro si basa

Sulla buona giustizia

O sull'opportunismo?

Sul rosso alcolismo

O sul bianco buonismo?

Sei tu che scegli Bonta o Brak

Sì, Bonta o Brak!

Scegli, scegli, Bonta o Brak!

Bonta o Brak!

Ah! Ah!

(Cori)

Eh! Eh! Eh! Eh!

(Cori)

Eh! Eh! Eh! Eh!

Bonta o Brak!

Sì, Bonta o Brak!

Loretta non l'aveva mai visto così. Di solito sicuro di sé, il Bwork si guardava i piedi aspettando il verdetto.

"È da urlo, Brayar! E... non hai fatto nemmeno un errore!"

Imbarazzato, lui sorrise grattandosi la testa, mostrando una fila di denti brillanti sormontati da due canini affilati.

"Allora... avete trovato un nome per il gruppo?"

"Sarà AB/CD."

Ang Yang era appena entrato nella stanza, seguito da vicino dai suoi accoliti. Loretta lo guardò... circospetta.

"Ci deve rappresentare, no? Beh, credo che siamo i soli Trooll e i soli Bwork a sapere leggere..."

"E il solo Goblin!" aggiunse Ril.
"E poi..." proseguì il chitarrista "È così che è cominciata la storia..."

 

Appuntamento alla fine di giugno per assistere al primo concerto degli AB/CD in DOFUS!

Rispondi a questa discussione