FR EN DE ES IT PT
In questo terzo articolo sulla creazione dell'isola di Kartapezta, è il momento di creare elementi decorativi!
Per questa nuova area, abbiamo iniziato con una semplice idea di base: il Teatro. Sembrava naturale per noi, perché abbiamo voluto dare vita ad un vero e proprio archetipo del cattivo: profondamente manipolativo ed egocentrico, i due ingredienti necessari per dominare il mondo! Così abbiamo creato Dramak il Manipolatore.

Dramak è in realtà un vecchio nemico Capitan Amakna. Battuto da quest'ultimo, ha fatto finta di essere morto, e ha cercato in seguito di essere dimenticato, mentre pianificava di prendere il potere nell'ombra. Ha poi trasferito la sua base operativa in una piccola isola nascosta agli occhi di tutti, fino ad oggi.

Potrete  scoprire che cosa è accaduto ulteriormente eseguendo missioni, ma nel frattempo, seguiamo ancora il making-of con lo studio delle location!

Per cominciare, dovevamo trovare un modo di inviare gli avventurieri su un'isola sperduta! Abbiamo deciso che questo sarebbe accaduto per caso. Per i Wabbit la tecnologia di perforazione è aumentata in modo significativ negli ultimi tempi, e saranno i mandanti non intenzionali di questa scoperta. Ben Pirate ha messo a punto una collezione di trivelle guidate da Wabbit che silenziosamente hanno esteso la loro rete di gallerie.

Maggior parte degli elementi grafici già esisteva, solo la versione più robusta della trivella doveva essere progettata per l'occasione, edè stata assemblata rapidamente per creare l'accesso all'isola di Kartapezta.
 



Bisognava quindi immaginare la base operativa di Dramak il Manipolatore. Ci si trova su un'isola a metà strada tra Amaknan e  l'isola di Moon. L'isola è protetta dalla curiosità dei marinai da un ingegnoso sistema di scenari mobili. Mentre si cammina sull'isola, troverete che alcuni di questi scenari sono ancora in piedi, mentre altri sono crollati a causa della collisione con la trivella.

Ben Pirate Ben fatto alcuni schizzi, poi una vettorializzazione in Flash per rendere i pittogrammi usabili nel editor delle mappe. Ha iniziato con la creazione l'edificio principale, aiutato da Emilie, e alcuni elementi decorativi.

Ma non abuseremo degli spoiler, vi lascieremo scoprire le mappe esterne dell'isola direttamente in gioco, inoltre, il lavoro duro deve ancora venire. Come vedremo ora , c'è da affrontare il cuore della questione: la creazione dell'interno del dongione di Dramak.

Come già detto, la base operativa di Dramak contiene i codici e il funzionamento di un teatro. Dovevamo quindi trovare sia il comfort che il lusso di un teatro nei meccanismi del suo paesaggio ... Senza dimenticare le scenografie dietro.
Ecco qualche schizzo:

Da questi schizzi di interni, i progettisti hanno fatto una serie di pittogrammi, ecco alcuni esempi:

E quando tutto questo è finito, sono stato in grado di recuperare e assemblare le carte per fare il dungeon con due esempi:
 



Parliamo di backstage... Come giocatori, siamo sempre stati fan di mappe nascoste ed enigmi che spezzano la monotonia di una sessione PvM. Volevamo inserire qualcosa del genere anche in questo dungeon! Soprattutto perché il tema teatro si prestava completamente, con i suoi set rimovibili e scenografie mobili...

Volevamo qualcosa che richiedssee una riflessione, ma comunque divertente e facile per i giocatori. Così abbiamo pensato ad un gioco peino di 0 e di 1 che abbiamo integrato in game, nel dongione di Dramak.
 

E, infine, per non rompere la tradizione, ecco un video a velocità reale, in cui vi presentiamo la creazione di due mappe dell'isola di Kartapezta.
 

Beh, è finita per questa piccola serie di articoli. Spero che abbiate trovato il tutto interessante e che vi sia piaciuto scoprire la faccia nascosta del nostro lavoro. Godetevi l'isola e le sorprese che arriveranno!
Categoria: Comunità